True Planets

3 maggio 2011

Just a “Matter of Time”… – A small investigation about the NASA/APOLLO 11 Frame n. AS 11-43-6370 (by Dr Paolo C. Fienga, Luna Cognita and Lunar Explorer Italia)

Filed under: Articoli — info @ 08:29

Dear Friends and Readers of Lunar Explorer Italia,

 let’s begin this conversation with a “Statement”: there is no Professional or Amateur Astronomer, or Space Researcher (either Public or Private) who was “lucky (and blind) enough” to be able to avoid to deal – at least once in his Life and Career… - with what we like to call “The Miracles of the Unknown“: the Unidentified Flying Objects (or UFOs, for short).

Well, whereas the “letter” and the “content” of the above Statement, would you like to know the Truth about “Them”?

Do you want to know if “They” really exist and visit us and our “Mysterious Neighbor“, such as the Moon, from time to time?

You Do?!?

Well, that’s too bad Folks, because we do not know the Truth! But, actually – at least up to now and as far as we know… -, NOBODY DOES!

That said, even though the above Statement can be considered – how could we say? – “slightly disappointing”, it is a fact that we can still provide you with some interesting notes about such an everlasting question. A question that, in the end (and wheter you are a “Believer” or a “Skeptic”), everybody knows: are we or are we NOT alone?

But…Do we have some (reliable) Material Evidence which could prove that UFOs actually exist and are close to us?

Well, let’s see what we’ve got here…

Everything started (at least, in this case in point) with an Apollo 11 frame. To be very precise, we are talking about the frame identified by the serial AS 11-43-6370.

AS 11-43-6370 (cropped)

 

What that frame seems to show, is really astonishing: a “possible UFO” hovering (or better yet: flying, as we shall see and try to demonstrate later…) on the Lunar Surface (also known as ”Lurain”, such as Lunar Terrain) and casting (projecting) a shadow over it.

Is that possible?

Maybe. And maybe not.

In our honest and humble opinion, this subject COULD and SHOULD have been faced and interpreted by reasoning along one of these two possible different lines of thought:

1) since what we have here is a genuine NASA-APOLLO frame, the “Object and its shadow” must be real, and therefore we are/should be talking about a UFO (or, if you do not like that expression, we should discuss about some other REAL Object whose nature is yet unidentified), or
2) since what we have here is a genuine NASA-APOLLO frame, but what we are looking at is NOT an “object” nor a “shadow”, but just an image artifact of some kind (perhaps a NEW kind, but still an image artifact, such as a “distortion” of the imege - meaning the representation of something that does not actually exist in the real world), we should, therefore, be spending some time talking about the NASA – APOLLO pictures in general as well as about some of their most obvious and misleading defects.

That, we repeat, in our opinion, could and should have been an excellent Starting Point. The BEST one.

But it did not work like that.

As a matter of fact, some people, after having “examined” (allegedly examined) the frame that we are discussing now, decided that a Third Way had to be considered, which is the following one: the “object” and the “shadow” are NOT an object and a shadow because the shadow itself… is IMPOSSIBLE (and therefore the object casting an “impossible” shadow MUST NOT exist)!

In other words: in the frame AS 11-43-6370, we are just looking at a pseudo-shadow (caused by a non-existing object) because a shadow like the one visibile in AS 11-43-6370, simply cannot exist in this World. Better yet: it cannot exist in this WHOLE Universe!…

Well, ignoring the fact that such a position has been suggested to us – and please, forgive us for being totally honest - in a kind of ”nasty” way, let’s however ask ourselves one question: is this “Third Way” a good way to approach the subject, or is it a “bad” and misleading one?

Well, let’s just say, for now, that it is just a “way”…

And since Lunar Explorer Italia has always been available towards an honest and polite (if and when possible…) “exchange of opinions”, we decided to ”feed” this debate and, for starters, we asked a couple of Friends and Partners of Lunar Explorer Italia who, beyond any doubt, are true Experts in this subject.

One of them is a Private Researcher, worldwide known as “Luna Cognita” (probably the very BEST Private Researcher operating in the wide Field of the so-called “Anomaly Hunting”); the other one is a Dear Friend of Lunar Explorer Italia, who graduated in Astrophysics a few years ago and that now works at the NSSDC (National Space Science Data Center).

The question we asked was the same for both of them, and it was VERY simple: “Dear Friends, please, look at the frame AS 11-43-6370 – specifically, look at the cropped area – and, once you’ll have focused on the Extra Detail Magnification (which seems to show an “object” of unidentified nature hovering over the Lunar Surface and casting a shadow onto the latter), please, let us know what do you think of it. Do you believe that it is an Image-artifact of some sort? Do you think that the shadow that the object seems to cast on the Lurain is an “impossible” shadow? Can we legitimately talk about a POSSIBLE UFO?”.

Well, as it has already happened in several cases, the answers we received widely exceeded our most optimistic expectations…

From Dr “Jay” (we apologize to our Readers, but we cannot mention the real name of the person involved in this research because WE DO NOT WANT to cause him any trouble - we already had a bad experience, about 5 years ago, with another Friend and Colleague working for the Lunar and Planetary Institute, and we REALLY DO NOT WANT to repeat the same mistake!), we received a very simple answer, which says as follows:”…on the original Apollo 11 negative I can see, in the area that you pointed out, two small dots which DO NOT APPEAR to be image-artifacts…”.

Well, once we say that we will never be grateful enough to Jay for his answer, we DO believe that JUST THAT LINE should be MORE THAN ENOUGH to, at least, make us to consider the POSSIBILITY that what we are looking at in captioned frame is “something unusual” or, if you prefer, that we are watching something that many people like to define as an “Anomaly“.

A “Transient“, to be more specific: an object (a REAL object!) whose nature is not and cannot be identified, but that (obviously) EXISTS and it is UNEXPLAINABLE.

Now: are we saying that the frame  AS 11-43-6370 CERTAINLY depicts an actual UFO?

Of course not! We are just saying that the aforementioned frame PROBABLY shows an Anomaly and that such an Anomaly is not a figment of our imagination (or a defect of of the film), but – PROBABLY – a REAL OBJECT of some kind.

An Object that, BY DEFINITION (considering its appearence and position – i.e.: ABOVE the Lurain), can only be defined as an Unidentified Flying Object. A “UFO“.

An OVNI, in Italian Language, such as “Oggetto Volante Non Identificato“.

But some Folks, here in Italy, decided to simply debunk the frame and its (relatively obvious and certainly questionable, but – we believe – FAIR and OPEN) interpretation, by using the so-called “Shadows’ Theory“.

And what did they do? They actually produced, in order to “scientifically erase” this possible finding, a few (in OUR OPINION highly questionable) drawings, then they dismissed the subject on the assumption that the “alleged UFO” was just the result of a misinterpretation of the frame, due to some lack of competence and the misuse (better yet: non-use…) of the “Scientific Method” (!), by Lunar Explorer Italia.

Ok, we take it.

But, please, allow us now to further retort to our detractor, by quoting a portion of the Report relevant to the content of AS 11-43-6370, as sent to us by our Friend, Luna Cognita. A Report that, in our opinion, first defies and then fully erase the relevance and application of the “Shadows’ Theory” to the case in point…

“…Regarding frame AS 11-43-6370 that you asked about – that is definitely an interesting Hasselblad frame from Apollo 11, clearly appearing to show an Unidentified Object above the Lunar Surface near the Korolev Basin, with the UFO dropping its shadow onto the Lurain (—> Lunar Terrain) below.
Now, like you mentioned, I have also heard a few skeptics attempt to forward the claim that the unidentified object we see in frame #6370 is dropping an “impossible shadow”, using that claim in an attempt to debunk the possible Anomaly.

Well, I believe that there are a few problems with that skeptic claim however.

That “impossible shadow” argument is not as strong a debunk argument as some may think, and an honest skeptic must appreciate that they cannot merely focus on only what that lone image appears to show. The UFO in frame AS 11-43-6370 appears to give the visual impression that the shadow it is casting could be falling straight below the object, as if the UFO was being illuminated from directly overhead at the time. However, we know the Sun was not high in the sky when this frame was exposed.

According to the official historical evidence, the Sun was actually low on the Western Lunar Horizon at the time, almost directly behind the on-orbit CSM camera platform, with the camera’s principal point facing the Lunar East direction shooting through a 250mm telephoto lens at close to a 60-degree high-oblique look angle.

When doing this kind of photo analysis and interpretation, visual appearances and perceptions can sometimes be deceiving, and very importantly, we must always remember that a photograph only gives us a two-dimensional reproduction of a three-dimensional scene – with very little depth information. In order for a debunker to credibly demonstrate that this UFO shadow we see in frame 6370 is in an “impossible” location, they would first have to be able to accurately calculate the exact 3D Object Space Position of the UFO above the Lunar Surface via photogrammetric triangulation of the photograph.

However, skeptics should be aware that there is simply not enough visual evidence in frame 6370 to allow anyone to accurately determine the precise 3D Object Space Location/Altitude of that Unidentified Flying Object in relation to its shadow and the lurain below. That is the problem the debunkers have here, because for the “impossible shadow” debunk to be taken seriously, the skeptics have to somehow be able to triangulate the exact location of the UFO above the Moon from the visual information available in the frame, because that would be the only way they can conclusively demonstrate that the shadow is in an “impossible” location in comparison to the UFO.

But the fact is that frame 6370 does not provide enough visual data for anyone to conclusively determine whether the UFO is actually casting an “impossible shadow” or not.
Some people may look at that image and simply assume the shadow to be “impossible” because of the way it appears at first glance, and they might assume they can determine a very accurate estimate of the UFO’s exact size and location above the Moon based on the visual evidence available in that one frame.
They can’t though!
What the debunkers are doing is just assuming that the UFO is directly above its umbra (creating the “impossible shadow”), but they are ignoring the fact that they have no way of accurately determining via photogrammetric triangulation whether that is the case or not! 

I will therefore argue that the UFO is actually not directly above its own shadow at all here. The UFO is in fact closer to the camera than the debunkers think it is, and because the Sun is directly behind the camera, the UFO shadow being cast is not dropping straight down at all – it is actually being cast towards the East at an angle away from the camera. This would mean the UFO is further West (closer to the camera) than its shadow is, and there is nothing “impossible” about that at all given the declared Sun Elevation and camera location.
The “impossible shadow” theory only exists if you assume that the UFO is directly above its own shadow, even though there is no evidence to suggest that is the case here.

Again, for the debunker claim of an “impossible shadow” to have any validity, the skeptics must show that what I said above about the UFO being closer to the camera than they think is not correct.
But the only way for them to disprove what I say and to prove their “impossible shadow” theory would be to somehow plot the exact 3D Object Space Location of the UFO above the Moon to prove the shadow does not make sense.

The evidence to do that position plotting of the UFO does not exist though.

We do not have enough data to accurately attempt a photogrammetric triangulation to try to determine the 3D Object Space Coordinates of the UFO based off that one single frame of film.
We do not know what that object in frame 6370 is, and since it is only visible in one frame, there is no further supporting visual evidence that could allow us to carry out a comparative analysis with other imagery to photogrammetrically determine the scale of that UFO or its altitude and 3D object space position above the lurain at the time it was filmed. We also lack any fine-scale Lunar Surface Topographic Data for that Region that could establish the true Slope directions and Elevation Profiles of the Lunar Surface at the UFO shadow point, and that data would be a requirement for the “impossible shadow” theory to be convincing as well, so the fact is there is no proof that there is anything “impossible” about the shadow we are seeing.
If you consider the idea that the UFO is actually slightly closer to the camera and is not directly above its shadow, then the “impossible shadow” we see becomes entirely possible and explainable.

There is also one further piece of evidence that can support the idea that this is indeed an Unidentified Object flying above the Lunar Surface that was captured on film.
That evidence is not provided in frame #AS 11-43-6370, but rather we have to look at the previous exposed frame – AS 11-43-6369.

I attached a side-by-side cropped image comparison that shows an aligned crop from frame 6369 on the left, and the crop of the same Region of the Surface from frame 6370 (showing the UFO and its shadow) on the right. You can see that the UFO and its shadow are not visible in the same Region of the Lunar Surface in frame 6369.  

That demonstrates that this UFO was not hovering stationary, but rather was flying over the Surface“.

AS 11-43-6379 and 6370 (crop 1 sidestack UFO and shadow visible in 6370)

CONCLUSIONS

Whereas the word “Conclusion“, in this case, is wrong (because, as you have read – and hopefully WELL UNDERSTOOD! – that, at this time, we certainly can Observe, Analyze and Speculate, but we CANNOT be definitive about the DEEP and TRUE Nature of what frame AS 11-43-6370 actually represents…), we wish to remind you all that, like we ALWAYS tried to explain on our pages when the subject was the Cosmos and, in particular, the “Controversial Events” of the Cosmos”, there are only two things, today, that we can really be “sure” of:

1) our Knowledge, even though in the past few centuries it sensibly grew, and now is growing and it WILL grow – every day a little more! -, unfortunately is still EXTREMELY LIMITED;

2) the assumption that we ALREADY POSSES a Science that, generally speaking, is capable to prove “beyond any reasonable doubt” what is possible and what is not, both on Earth and in the whole Universe, is a pure fiction. More: it is a (filthy) Lie.

Specifically: what do we REALLY see in the Apollo frame AS 11-43-6370?

Do we see a real UFO? And if so, does this UFO really cast a shadow on the Lunar Terrain?

 Or, maybe, we are just discussing about nothing? And that happened because both the UFO and the “shadow” were just a couple of EXTREMELY BIZARRE image-artifacts of some sort? 

This meaning that both the UFO and the shadow are “illusions”. Illusions created by not only ”our” endless will of seeing “something alien” at all costs, but also by the existence of a defect of some kind in the original film?

Well, Dear Friends, it is absolutely obvious that we CANNOT answer in a DEFINITIVE WAY to all these questions!… And it is also obvious that, as of today, NOBODY CAN.

We can discuss, we can make drawings, we can quote books, theories, suggestions and God knows what else we can do, but the fact is and remains one and one ONLY: we DO NOT have enough data to solve the problem.

Today.

Tomorrow, in a month, or maybe in a thousand years, we shall know more. And let’s hope that we shall also know BETTER!

But until then, let’s try to work with what we have, using the best of our capabilities, the best of what we have learned and, while doing so, let’s try to practice (at least) a little Humility. That Humility which will make us, in the end, better Scientists, better Researchers and, we believe, better People.

The answers, you know, about this subject and about a thousand more, will come anyway. It is only a Matter of Time

 

The Labyrinth of Time

 

Special Thanks:

to Luna Cognita (for the Research, the Skill, the Erudition, the Education and the Patience he shows while doing his beautiful Work)

to Dr Jay (for having answered to a question that only a few Professional Researchers would have considered worth the risk of being given…)

to Ufologo (alias Massimo Staccioli) and the Public Forum of “Mondo UFO” (for having created the premises of this research)

13 dicembre 2010

Bestiarium 2010, ovvero: la “Dialettica dell’Insulto” – del Dr Paolo C. Fienga

Filed under: Articoli — info @ 00:07

 §§§

“…L’uomo, per millenni, ha costruito il senso del suo vivere. Oggi l’uomo non sa, non vuole più farlo. La distruzione è la sola espressione della sua presenza terrena, una distruzione che riesce a intaccare il pianeta stesso, minacciato dall’attività predatoria e inquinante. La distruzione riguarda anche la sfera personale, minima. Si distrugge e ci si lascia distruggere. Ci si lascia distruggere quotidianamente da una politica che è la degenerazione del più basso servilismo; ci si lascia distruggere da una classe politica che darebbe la nausea anche ai più turpi figuri del basso impero. Ci si lascia distruggere da una sottocultura dell’imbecillità, in cui l’ignoranza è una simpatica caratteristica e viene esibita senza vergogna, ma quasi con un pizzico di civetteria compiaciuta. Ci si lascia distruggere dalle menzogne, dai luoghi comuni, dalle banalità consacrate a rivelazioni somme; ci si lascia distruggere dalla miseria morale e dalla desolazione culturale…”

Paolo Cortesi

 

§§§
 

Forse, quando io ero ragazzino (e, credetemi, non è stato neanche troppo tempo fa…), le metodologie educative erano troppo pesanti e repressive: niente parolacce, parlare composto e rispetto per le opinioni altrui, quand’anche e per quanto esse fossero scomposte, sconnesse e – magari – irritanti (anche nella loro esposizione, perché no?!?).

In caso di disaccordi, anche profondi, nessuna esternazione “rumorosa”, specie al di fuori dell’ambito domestico (perché “non sta bene”) e nessuna “uscita” dai binari dell’educazione formale era tollerata (sull’educazione sostanziale, anche “durante i miei anni più verdi”, forse si potrebbe dire qualcosa di non esattamente positivo, ma non questa volta. Non ora).

Ed il sacrosanto Diritto di Dissentire, Vi chiederete? Dov’era quel Diritto?

Garantito! E che diavolo… Ma con qualche puntualizzazione: prima si ascolta, poi si risponde; prima si pensa e poi si parla.
Non si alza la voce e si guarda l’Interlocutore negli occhi.
E comunque, su tutto, avere Rispetto.
Il Rispetto è un Dovere ed avere Rispetto per gli altri è una Garanzia di Civiltà.

Il Rispetto andava portato – e questo mi pare un concetto sacrosanto – verso chiunque, ma con una punta di enfasi allorché esso andava a rivolgersi, in particolare, verso i Familiari, gli Insegnanti, i Superiori gerarchici, i Colleghi più anziani e quindi gli Anziani tout-court.
Naturalmente, all’interno di ognuna di queste categorie, laddove ci fosse stata una donna, il Rispetto – almeno quello formale – doveva essere ulteriormente enfatizzato e, magari, raddoppiato.

E quali erano le punizioni per i disobbedienti? Dipendeva dal contesto, naturalmente.
A scuola (vigevano ancora le cosiddette “sanzioni corporali”) si rischiava una coppia di sberle, o qualche bacchettata sul palmo delle mani (o sulle nocche); a casa…idem.
Negli ambienti professionali, invece, venivano applicate pesanti sanzioni disciplinari (“l’insubordinazione”, ossìa la mancanza di Rispetto verso un Superiore, fu giusta causa, negli Anni compresi tra il 1950 ed il 1969, di innumerevoli licenziamenti).
Ma quale che fosse il contesto di riferimento, per colui (o molto peggio se si trattava di una “colei”…) che dimostrava di possedere poca Educazione – e poco Rispetto – veniva riservato un trattamento da “appestato” da parte di coloro che questa “Educazione” e “Rispetto”, invece, li possedevano.

Ricordo tanti ragazzini trattati da “gentaccia da evitare” perché colti in flagranza di insulto, o perché sorpresi a fare qualcosa che mal si sposava con i dettami educativi di quegli anni.

Ovviamente eravamo tutti liberi di pensare il peggio del peggio, ma durante uno scambio dialettico, a scuola ed in spiaggia, come allo stadio o in famiglia, non veniva concesso – tranne rare e sporadiche eccezioni (peraltro subito censurate e, di regola, adeguatamente isolate e punite) – molto spazio per quello che, una volta, veniva chiamato (meglio sarebbe dire “bollato”) come “linguaggio da scaricatori di porto” o “da carrettieri” (con tutto il rispetto, naturalmente, per entrambe quelle categorie professionali.

Perché “carrettieri” e “scaricatori di porto” (con varie ed eventuali variazioni sul tema a seconda della Regione della Penisola coinvolta) Vi chiederete? Perché, purtroppo, queste due Categorie Professionali erano, di regola, rappresentate da soggetti privi di cultura.
Ossìa da gente ignorante.
E la mancanza di Rispetto – una “dote” propria, appunto, degli “ignoranti” – era ritenuta essere (diremmo ampiamente a torto, ma tant’è…) una prerogativa delle persone appartenenti ai certi bassi della Società.

Persone che, quando si voleva essere “carini”, venivano chiamate “poveracci”.

E quali erano le conseguenze di questo (ripeto: sicuramente troppo drastico) approccio?
Eccole: l’uso del turpiloquio, del linguaggio “stracciato” e cioè volgare, ossìa il sintomo più evidente di una mancanza di Rispetto per gli altri, era considerato (soprattutto a scuola: la vera – e direi unica – via d’accesso alla Società Civile) come un inconfutabile sintomo di ignoranza
L’ignoranza, dal canto proprio e come dianzi detto, era un altrettanto inconfutabile segno di appartenenza ai ceti più umili della Società e l’’appartenenza ai ceti più umili della Società era un muro, sovente insormontabile, che separava una parte della Popolazione (che, magari, al di là di un’eccessiva “coloritura” del linguaggio, aveva anche sogni, idee e volontà, ma non mezzi) dal resto della Collettività (che magari non aveva sogni – o ne aveva di meno –, né idee e volontà – idem – ma che sicuramente questi mezzi li possedeva).
Un muro che lo si iniziava a costruire a scuola e che poi lo si completava nel mondo del lavoro.
Qualsiasi lavoro.

Era questo un Modello Educativo e Sociale giusto?

Certamente no, anzi: era un Modello decisamente orrido, figlio di una serie di Valori (e Disvalori) che traevano la loro origine e forza dalle rovine dell’Italia del dopoguerra e dai falsi splendori degli Anni del Boom.
Era un Modello che privilegiava la forma sulla sostanza e l’apparenza sulla realtà.
Era, in ultima analisi, un Modello brutto e sbagliato, ergo un Modello Educativo e Sociale (e “Qualificativo”) ingiusto.

Ed infatti, come spesso – sebbene non sempre – è accaduto nella Storia, i Modelli ingiusti, nel tempo e con il tempo, cadono.
Cadono e vengono rimpiazzati da altri sistemi.

Spesso, come andremo a vedere per questo caso specifico, da Modelli ancora più aberranti: Modelli di gran lunga peggiori del Modello (già orribile di suo) che era stato abbandonato.

§§§

Gli anni sono passati: è passata la rivoluzione sessuale, la rivoluzione dei Figli dei Fiori e la rivoluzione studentesca; è passata la Corea, il Viet-Nam ed il Biafra.

Siamo andati sulla Luna, abbiamo sintetizzato nuovi farmaci capaci di guarire da malattie che storicamente ritenevamo indebellabili e, nel contempo, abbiamo inventato nuove malattie.

Abbiamo ridotto, in parte, i nostri arsenali nucleari, ma in compenso abbiamo costruito armi chimiche e batteriologiche.

Abbiamo sconfitto il “terrorismo locale” (ricordate le Brigate Rosse in Italia e le Baader & Meinhof in Germania?) ed in compenso abbiamo inventato il “terrorismo internazionale”.

Abbiamo sostituito alla guerra d’invasione, la “guerra preventiva”.

Abbiamo creato la politica da strada e quella da bar, le televisioni commerciali, i salotti televisivi, i talk-shows, l’intrattenimento salutare (con lo sport – purché non proposto in maniera ossessiva e ripetitiva – e con la documentaristica – anche questa da prendersi con le dovute misure e cautele) e l’intrattenimento decerebrante (con i Quiz per diventare Milionari aprendo pacchi e rispondendo a domande idiote e nozionistiche; con i Processi e gli Appelli, con i Grandi Fratelli, le Isole dei Famosi e tutto quel Mare Magnum di trash-television che viene sussunto sotto il nome di “Reality Show”).

Abbiamo trasformato il Mondo e, nel farlo, abbiamo trasformato la Società. E la Società è fatta di individui: la Società siamo noi.
E le interazioni sociali (ossìa le interazioni fra gli individui)? Le abbiamo cambiate?

Certamente!
Anche le interazioni le facciamo noi, ma con una puntualizzazione: il Modello Culturale degli Anni ’48-’68 il quale, inter alia, stabiliva le direttive di base per le predette interazioni, lo dava (nel bene o nel male) la Famiglia in primis, poi la Scuola (e cioè l’espressione istituzionale della Cultura) e quindi coloro che, a cominciare dai primi Anni ’60, vennero chiamati “Intellettuali” (e cioè l’espressione NON istituzionale – ma non per questo meno valida ed autorevole – della stessa Cultura).

Specie durante gli Anni ’70 i risultati distorsivi del “fervore intellettuale” del decennio precedente – come ovvio – non mancarono (le cellule del terrorismo italiano rosso e nero, entrambi armati, nacquero proprio a cavallo di quegli anni), ma non mancarono neppure i risultati confortanti: e qui parliamo di Scienza, d’Arte, di Letteratura, Sport e, che ci crediate o meno, anche di Politica! Si: anche la Politica ebbe un ruolo che, sebbene imperfetto, possiamo comunque definire ampiamente costruttivo ed indicativo (gli “statisti”, lo saprete bene, non sono certo un “parto” unico del Diciannovesimo Secolo e del primo terzo del Ventesimo!).

Ma poi le cose cambiarono.
A partire dalla fine degli Anni ’70, con un crescendo iniziato intorno al 1973 e che divenne “Rossiniano” fra la metà degli Anni ’80 e la metà degli Anni ’90, per poi giungere ad un “top” quasi indiscusso negli Anni compresi fra il 1998 ed oggi (AD 2010), le interazioni sociali degradarono, al pari dei Modelli Culturali di riferimento che le proponevano.

Forse avrete già inteso dove mi sto dirigendo: questi (meravigliosi o dannati) Modelli, negli Anni successivi al 1973, non vennero più forniti da Uomini e/o Istituzioni.
Essi non vennero più forniti da libri.

Essi vennero forniti, in buona sostanza, dalla televisione.

E qui non parliamo della “televisione intelligente”, certamente no: qui parliamo solo della tivvù urlata e sguaiata, con i suoi riti, i suoi idoli e, ahinoi, con i suoi “modelli culturali” (e questa volta le maiuscole “M” e “C” non mi sento proprio di usarle…).

E poi è arrivato Internet (“The Internet Bubble”, dicono in America) il quale, in quanto a produzione di violenza, sotto-cultura e confusione, non ha scherzato nè scherza affatto.

Anzi…

Risultato? Potremmo scrivere un trattato sui risultati di questa metamorfosi pseudo-culturale, ma dobbiamo tentare di essere stringati.

Diciamo questo: il risultato primario è stato sociologico. Abbiamo “imparato” che nella Vita non conta più crescere, apprendere e progredire, magari soffrendo.
No.
Nella Vita conta vincere, in qualsiasi modo ed a qualunque costo. Lecitamente od illecitamente non importa.
Conta solo comandare e guadagnare: schiacciare i deboli, sfruttare gli indifesi, massacrare gli inutili.
Sorridendo, però.
Sorridendo sempre.
E, laddove possibile (e cioè, oggi, ovunque), prendendo gli interlocutori per il fondoschiena (o meglio: per il culo).

Ma questo è un discorso diverso e troppo complesso per poterlo esaurire in qualche paginetta. Procedemus…

§§§

Nel nostro piccolo ambito, che è quello degli scambi dialettici, il risultato di questa “distorsione sociale e culturale”, che è inevitabilmente divenuta una “distorsione mentale”, è stato altrettanto mortifero e deleterio.
Con l’abbandono (forse – ed almeno in parte – positivo) del formalismo dialettico (il “voi” è ormai defunto ed il “lei” è diventato un segnale linguistico indicativo di distacco e, sovente, di formale disprezzo più che di deferenza e/o rispetto), sono subentrati nuovi modelli interazionali.
O, più semplicemente, nuovi modi di parlarsi.

Vediamoli: il primo modello internazionale (dialettico e generalizzato) ad essere subentrato – almeno in Italia – è stato il “tu” indiscriminato (sovente, ed almeno per chi scrive, più becero ed irritante del “voi” di antica e per lo più meridionale memoria).
Poi c’è il “pensato-parlato” (comune nell’intrattenimento e fatto di riflessioni ad alta voce le quali però, nella stragrande maggioranza dei casi, per come vengono espresse, farebbero molto meglio a rimanere nel cosiddetto “foro interno”).
C’è poi il “burinismo” (per essere brillanti e “à la page” è opportuno esprimersi in dialetto romanesco, ma non quello usato dal Giusti o da Trilussa: è caldamente suggerito il dialetto – inflessione e termini – usato dai “burini”, ossìa i rozzi campagnoli dell’entroterra laziale).
Ultimo, ma certo non meno importante, il “politichese” (una maniera in fondo carina per indicare il parlare, dotto e prolisso, di qualcuno che non ha nulla da dire su un argomento “politico”, ma questa espressione, mutatis mutandis, può anche essere adottata nello sport, nell’attualità e quant’altro).

Le partizioni non finiscono certamente qui, ma questi quattro esempi sono più che sufficienti per fare il punto.

La “ciliegina” sulla torta del linguaggio degli Anni 2000 è comunque data, sicuramente per le prime tre macro-classi di modelli dialettici (ma spesso anche per la quarta, ahinoi…), dalla necessità di impiegare quante più espressioni volgari sia possibile (perché “fa fico”) e, in caso di disaccordo – anche velato – by-passare l’alterco moderato (e dialettico, appunto) per passare direttamente all’insulto.

Secco, violento e, per chi non ha recepito i modelli linguistici del 2000, decisamente proditorio.

Ma perché tutto questo?

Perché non sappiamo più ragionare?
Perché l’Età dei Lumi è oggi confusa con l’anno di produzione del lampadario di casa?
Perché viviamo in una Società “competitiva” e quindi dobbiamo essere “competitivi” (ahi! Ecco un’altra macro-classe che ho dimenticato: quella dei clichès e dei luoghi comuni!…)

O forse perché i modelli culturali che abbiamo recepito ci impongono un rapido abbandono del dialogo (nei soliti luoghi preposti e cioè in casa, a scuola, sul lavoro, con gli amici, allo stadio, al bar e, naturalmente…in televisione!) per giungere, senza troppi ed inutili preamboli, allo scontro?

In fondo anche la Politica Internazionale mi pare che funzioni così, specie quando c’è di mezzo il “terrorismo” (e quante cose dovremmo dire pure a proposito del “terrorismo”…Ma lo faremo, anche questo, un’altra volta).

Non importa più, comunque, aver ragione o torto: ciò che importa è imporre.
Ciò che conta è sopraffare.
Ciò che conta – e non importa certo “come” – è “vincere”.

Nella dialettica, questo – a mio avviso palese – stato di “alterazione mentale” si esprime attraverso l’urlo (e non pensate che mi riferisca solo alla verbalità: si può urlare – forse meglio – anche solo scrivendo); attraverso l’offesa gratuita, attraverso lo sberleffo, villano e volgare, “macchepperò fa ride!”.

Resa l’idea?!?

Bisogna strappare il cuore all’interlocutore e gettarlo in pasto alla folla.
Un interlocutore che non è più una persona ovviamente, ma è solo un nemico. Un qualcosa – neppure un “qualcuno”… – da afferrare, abbattere e fare a pezzi (come la statua di Saddam: ve ne ricordate?).
Un qualcosa da svellere dalle sue (deboli) basi e da rivoltare dall’interno, finchè non sopraggiunge la morte (dialettica, ovviamente, ed almeno in questo contesto…).

Giovane o vecchio, ricco o povero, di cultura o “ignorante”, non c’è più differenza: la portata del messaggio “culturale” del Nuovo Millennio è davvero “universale” ed è ormai totalmente…Democratica: chiunque vi può accedere senza che il reddito, la cultura, l’estrazione sociale o quant’altro facciano da scudo.
Incredibile, ma vero: dopo secoli di lotta, abbiamo raggiunto la Democrazia (quella vera ed unica).

Ma solo nell’arte di insultarci e di metterci le mani addosso: adesso non ci sono davvero più limiti e frontiere.
E la “madre” di questa “democrazia”, chi è?

Ma è naturale: è la televisione. Tutti la odiano ma tutti la guardano (si certo: anche chi sta scrivendo).

Come i programmi decerebranti che però fanno “audience” (e su questi, invece, mi distacco: sebbene a fatica, ho vinto la tentazione di “buttare un occhio” per vedere che cosa succede, ad esempio, sull’”Isola dei Famosi”, alla “Fattoria”, ai talk-show per sventurati tipo “Al Posto Tuo”, al “Grande Fratello”, senza dimenticare “Le Jene” e tutta la progenie di orridi e squallidi quizzzz che infestano le Reti Nazionali e Private).

E la curiosità di guardare, almeno un po’, spesso, era forte. Smettere di fumare, in fondo, è stato molto più semplice…

E comunque sia, ho guardato abbastanza spazzatura per riuscire a capire il messaggio che “passa” e che “buca lo schermo” (come dicono gli esperti).
E’ un messaggio chiaro.

Vincono i forti, i furbi, gli arroganti, quelli che “possono”, quelli che “vogliono”, quelli che hanno la Forza (la Forza, badate bene: NON il Coraggio!) di prendersi la ragione.
Quelli che non devono chiedere, come diceva una divertente e lungimirante pubblicità degli Anni ’80, mai.

E poi bisogna smetterla di essere ragionevoli, misurati, prudenti od educati: questi non sono più “segnali” (per giunta FORTI) di Forza e di Cultura: questi sono solo segnali (FORTISSIMI!) di DEBOLEZZA!

Non ci credete? Ma guardate le trasmissioni televisive, dallo Sport alla Politica e per giungere al (cosiddetto) Intrattenimento: che cosa vedete (a parte molti dettagli femminili intimi – gradevolissimi, come dolci e salumi, ma a condizione di non eccedere)?
Gente che strilla, che si insulta – senza usare perifrasi, ormai, poiché fuori moda – e che cerca, senza mezze misure, non di conquistare una superiorità dialettica (e cioè intellettuale) sull’interlocutore, bensì una superiorità “sonora” (o anche fisica, talvolta, negli stadi, come alla Camera, come in televisione…) sul “nemico”.

Anche nelle Tavole Rotonde fra Scienziati e Ricercatori Scientifici ho visto e sentito becere gazzarre.

Non c’erano Colleghi con idee diverse da affrontare (le idee, appunto) e discutere: no.
C’era (e c’è) solo un nemico da abbattere, poiché solo abbattendolo si sarebbe riusciti a dimostrare la bontà del proprio pseudo-pensiero.

E allora non ci può e non ci deve essere più posto per le metafore, le “sfottenti” allegorie, gli inviti ed i rilanci: ci sono gli insulti.

Solo gli insulti, i quali arrivano là, dove la Logica ed il Buon Senso (oltre al famoso – ed ormai morto e sepolto Rispetto) non hanno più terreno.

E questo perché? Perché non è più l’Idea in gioco. Non è più il “concetto” discusso e controverso che sta alla base dello scontro, no.

E’ colui che parla – e cioè è il Soggetto –, la parte che conta e che deve prevalere: è per questo che ogni mezzo diviene lecito e la Dialettica, come l’Etica e come tutte le Sacre Arti del Pensiero, svaniscono nel nulla.

L’incontro/scontro di idee e di pensieri – una volta… – diventa solo uno scontro (praticamente fisico) di individualità (prima) e di individui (poi).
E per farla breve, non vince chi ha più idee: vince chi è più forte.
Con le parole (rectius: le urla e gli insulti) o con le mani (e vai: un milione di anni di evoluzione, ed eccoci di nuovo qui, ad “armare le clave”…).

Ed il pubblico? Chi guarda che cosa fa? Dove va l’empatia? Ma è evidente: salvo rarissime eccezioni (che mi raccontano, ma che non ho mai visto) va dal più forte.
Va da quello che vince, come la logica “gladiatoria” (ma anche vigliacca e cialtrona) della Roma Imperiale ci ha insegnato.
Dunque non aspettiamoci, a fronte di un incontro/scontro fra un Intellettuale ed un Individuo che blatera, una lotta paritaria ed un incontro/scontro di pensieri: se l’Intellettuale resterà fedele al suo retaggio, la partita la perderà per abbandono.
Il suo, naturalmente, dopo che l’individuo/interlocutore avrà trasportato lo scontro dialettico in “piazzata” da carrettieri e da scaricatori di porto (ed ancora sorry alle due menzionate categorie Professionali).

Siete dubbiosi? Dovete solo accendere la televisione nelle ore dedicate all’ascolto “leggero” (si dice così: lo sapevate?) oppure allo sport (calcio, per il 99,99%).
E se la televisione non Vi basta, andate pure in giro sul WorldWideWeb: i Siti ed i Public Forum infestati da queste bestie che blaterano cultura, libertà e democrazia, ma che sono pronte ad azzannarvi se non le assecondate (e meglio sarebbe se le apprezzaste ed idolatraste in forma eclatante…).

Io ne ho incontrate (nella realtà e nel mondo “virtuale”) di queste bestie, e l’incontro non è stato per niente gradevole.
Ho provato a parlare, ma ne ho solo ricavato degli insulti.
Subito, senza storie e senza preamboli: non sei d’accordo con me? E allora vattene “aff….”.

Splendido.

Ora, sia chiaro, io non sono un agnello sacrificale e non sono neppure un Magister Verbis, ma se qualcuno mi parla e mi dice cose su cui io mi trovo in disaccordo, rispondo, si, con il disaccordo, ma esso è e rimane verbale, dialettico e rigorosamente rispettoso (anche perché, in fondo, può anche darsi che sia il mio interlocutore ad aver ragione…).

Certo è che se il mio interlocutore, repentinamente, al primo segno di dissidio, esplode nell’insulto, io ho solo due possibilità: o ribatto (e la disfida, come l’esperienza mi ha insegnato, degenera), o me ne vado (operando un “commodus discessus”, o ripiegamento agevole – e cioè onorevole – come avrebbero detto nell’antica Roma).

Il tempo e la mia “educazione”, intesa come retaggio culturale, mi hanno insegnato a preferire (a volte dico, sinceramente, “purtroppo”) il ripiegamento agevole.
Me ne vado, insomma, e la “pianto là”: magari non sono proprio soddisfatto (anzi!), ma me ne vado.

E che cosa succede, a questo punto? Succede che, di regola, la “folla” – e cioè quelli che osservano e/o ascoltano (ma senza mostrarsi, come i fruitori dei telefoni erotici che non parlano ma si limitano – come dei veri codardi, sino all’inverosimile… – ad origliare quello che gli altri si dicono a lettere più o meno chiare…), si fanno sentire, rigorosamente a partita finita, ed applaudono, sempre di regola, la bestia.

§§§

Bene, credo di aver chiarito il mio “punto” anche se, forse, quei pochi che hanno avuto il coraggio e la pazienza di leggere sin qui adesso si troveranno un po’ disorientati…Magari Vi chiederete quale fosse lo scopo di questa lunga (e noiosa, probabilmente) prolusione.

Solo uno, cari Amici: quello di ricordare, di ricordarmi e di ricordarVi, che – come disse Voltaire – “l’uomo che alza le mani per primo, è quello che non ha più idee in testa”.

Ecco, oggi funziona così.
Magari, in tanti casi, dovremmo dire che l’uomo (anzi: l’individuo) che alza la voce per primo è quello che non ha più idee in testa, ma il concetto di fondo non cambia, non credete?!?

Per cui, la prossima volta che osservate due che si accapigliano, nella vita, in mezzo alla strada, in televisione o sul WWW, provate a vedere che “tipi psicologici” sono.

Vedete se il loro è un confronto “intellettuale”, “bestiale” o – ahimé il peggiore – fra “intellettuale e bestia”.

E poi provate ad intervenire. Ma non per sostenere quello che urla oppure, a partita finita, il vincitore.
Provate a sostenere, se c’è – e, credetemi, c’è sempre – la Ragione.

Essa prescinde dai contendenti-litiganti: essa è un quieto bisbiglio che, nelle orecchie di chi parla o di chi ascolta, sussurra sempre qualcosa di chiaro ed inconfondibile.

Sostenetela.

Se non lo faremo (e se non lo farete), il prezzo da pagare – alla fine – sarà molto alto.

E poi non dimenticate una cosa: un giorno, nel ruolo di Paladini della Ragione e contro l’Ignoranza dominante e bestiale – ed a prescindersi dal merito effettivo della controversia  – potreste esserci Voi.

§§§

Postfazione

Questo articoletto l’ho scritto per puro passatempo, un quattro o cinque mesi fa (o forse anche di più), ispirato dalla lettura di un articolo dell’Amico Paolo Cortesi.

Oggi lo pubblico e dedico, di Cuore, ai ragazzotti (anzi, ai “pirloni” o “pirlotti”, come si dice dalle mie parti – e che mi dicono avere già una certa età…) i quali, senza conoscere neppure una virgola di Lunexit e del sottoscritto (basta leggere il loro delirio per capirlo), hanno svillaneggiato ed istericamente – nonché volgarmente – insultato me e la Splendida Fondazione che rappresento (senza dimenticare qualcuno che si professa “amico” di Lunexit e mio, ma che è buono solo a tenere i suoi DUE-E-DICASI-SOLO-DUE piedi in 1000 scarpe diverse…).

In verità, mi era stato chiesto, da molti, di rispondere “a tono” e di innescare una “guerra” virtuale (a colpi di “flames”).

Beh, mi spiace, ma – sinceramente – le “guerre” (reali o virtuali) a me non interessano. Mi interessa il confronto, semmai, su argomenti sensati e sensibili. Ed intelligenti. E sui quali posso esprimere un’opinione informata e pacata.
Certo non lo scontro. Mai. E certo non lo scontro con quattro poveracci che sono non solo troppo ignoranti per capire prima ed imparare poi come si vive in una Società REALMENTE Civile, ma anche troppo arroganti per ritirarsi in buon ordine dalla medesima e dedicarsi a qualche attività VERAMENTE costruttiva (chessò, coltivare la terra o raccogliere carbone in miniera ad esempio).

E comunque, se parliamo solo di “tono” (nel senso letterario del termine), allora devo dire che, nelle prolusioni dei poveri ed anonimi codardi che hanno sbrodolato falsità e nefandezze SGRAMMATICATE e STOMACHEVOLI su Lunar Explorer Italia e me, io non ne ho trovata nemmeno un’oncia.

Ho trovato solo tanta volgarità (nelle righe e tra le righe).
Tanto rancore, che è sinonimo di frustrazione e fallimenti (ovviamente personali).
E, purtroppo, ho trovato tantissima ignoranza (la Madre di ogni male).

Ma nessuna di queste “virtù”, scusatemi, merita un istante in più del mio Unico e Preziosissimo Tempo…

« Pagina precedentePagina successiva »

Powered by Neo-Web.it