True Planets

16 luglio 2012

Lo Scetticismo Come Patologia (del Dr Gianni Viola – courtesy INTERKOSMOS)

Filed under: Articoli — info @ 17:27

“…Credere a priori, è un atto di Fede; rifiutare a priori, è un atto di stupidità…”

(Alessio Feltri)

§§§

La differenza tra la Scienza e le Pseudo-Scienze è che il Metodo Scientifico permette infine, attraverso la ripetizione degli esperimenti, l’accoglimento delle nuove teorie e la sconfitta degli “scettici” (ovvero dei conservatori), mentre le Pseudo-Scienze, che non si sentono obbligate a dimostrare quanto affermano, possono rimanere invariate anche per millenni nonostante sia cambiato completamente il campo che affermano di studiare. In tal senso può dirsi che la Planetologia, per quella parte interessata dallo studio della Vita Intelligente eventualmente presente su altri pianeti, è senz’altro una Pseudo-Scienza, se è vero, com’è vero, che i risultati delle analisi da essa condotti in quel contesto, non sono mai stati (s’intende a livello ufficiale) esaminati e verificati secondo i termini del Metodo Scientifico Sperimentale.
Lo Scetticismo, è invece, un atteggiamento mentale che non considera assodata un’affermazione fino a che essa non sia dimostrata (e fin qui, nulla di male, anzi…), il Conservatorismo da parte sua è, invece, l’attaccamento al potere che si spaccia per scetticismo e che, tramite tale paravento, vorrebbe assumere una veste e un ruolo che non gli competono e non gli si addicono. Il Conservatorismo, mascherato di Scetticismo, in vero, rifiuta di prendere in considerazione un’affermazione anche dopo che essa sia stata provata.
In questo paragrafo prenderemo dunque in considerazione la categoria dei conservatori, tuttavia qui, per comodità metodologica, denominati “scettici”, poiché in tal guisa essi sono noti nell’ambito della letteratura del caso. Va nondimeno rilevato che gli scettici, propriamente detti, hanno come più sopra accennato, una posizione rispettabile e lo scetticismo, inteso nel suo significato proprio, deve essere considerato un atteggiamento correttamente scientifico. 
Gli pseudo-scettici (che nella realtà sono null’altro che “conservatori”) rappresentano invece una categoria che non ha nulla a che vedere con la Scienza, rappresentandone la parte antitetica. Solo in questo abbiamo inteso qui esaminarne i tratti che li contraddistinguono.

In una conferenza pubblica tenutasi a Sidney, l’Avv. Victor Zummit, esperto dell’applicazione del Metodo Scientifico, ha parlato del motivo per cui tanti soggetti rigettano ostinatamente le numerose prove che la Scienza accumula a favore di un dato problema. Nella fattispecie lo studioso ha esaminato le “prove” a favore del cosiddetto paranormale (che in questa sede non forma oggetto di trattazione), ma ciò che a noi interessa sono i principi scientifici enucleati dal complesso delle analisi che lo studioso ha condotto e che sono parimenti applicabili a tutti gli altri campi dello Scibile Umano.
Su un piano generale, gli studi dell’Avv. Zummit riguardano il comportamento degli scettici ad oltranza, ossia coloro i quali rifiutano perfino l’evidenza delle prove quando si tratta di doversi confrontare con elementi che contrastano la loro visione delle cose. A tal proposito, afferma testualmente: “Dopo 22 anni di relazione con tutti i tipi di scettici (…) posso riferirvi che ci sono almeno sette ragioni per cui gli scettici di mentalità chiusa tendono a rimanere tali e perché alcuni di loro irragionevolmente attaccano coloro che scientificamente ed empiricamente indagano le prove a favore “(…)“ e tali “motivi (…) si possono applicare a qualsiasi persona avente convinzioni personali inflessibilmente e rigorosamente soggettive” e “(…) anche a qualsiasi fondamentalista, religioso o laico”.
La domanda generale è la seguente: “Perché gli scettici di mentalità chiusa rifiutano di accettare le prove (quando queste, ovviamente, tali possono essere considerate, da un punto di vista scientifico) a favore di un dato fenomeno?”
Il suo punto di vista è molto chiaro: “La mia esperienza con gli scettici dalla mentalità chiusa è che essi non indagano le prove. In sostanza, essi rifiutano completamente ogni informazione che non è coerente con le proprie convinzioni, anche se è scientificamente supportata. La mia esperienza mi dice anche che gli scettici dalla mentalità chiusa non hanno capacità, competenze e la capacità di percepire (…) con vera equanimità empirica, in modo oggettivo, scientifico, equilibrato”.

I Principii Scientifici enucleati dall’Avv. Zummit, sono i seguenti:

1) Dissonanza Cognitiva:
2) Catessi:
3) Programmazione Neurolinguistica (P.N.L.);
4) Programmazione Ambientale;
5) Spiegazione delle Neuroscienze;
6) Motivazione Primaria:
7) Metodo di “Smorgashord”.

Dissonanza Cognitiva

Un soggetto che svolge od argomenta due idee o comportamenti che sono tra loro coerenti, si trova in una situazione emotiva soddisfacente, detta consonanza cognitiva. Nella situazione opposta, si verrà a trovare in difficoltà discriminatoria ed elaborativa, poiché i due elementi si troverebbero tra loro in contrapposizione o divergenti.
Questa incoerenza produce la cosiddetta dissonanza cognitiva, termine usato dagli psicologi per descrivere il disagio che si verifica quando le persone si confrontano con informazioni fondamentalmente incompatibili con le loro credenze. Il concetto di d.c. è una definizione formulata dalla teoria esposta nel 1956 dallo psicologo Leon Festinger, il quale sostiene che, tramite un meccanismo automatico, il soggetto tenta di eliminare o ridurre la causa del marcato disagio psicologico che essa comporta e giustifica le proprie scelte contro ogni ragionevole dubbio, giungendo ad eliminare i dubbi che egli potrebbe nutrire a riguardo.

Gli esperimenti condotti da Festinger nel 1956, provano che è istintivo ostinarsi sulle proprie posizioni anche quando si sa che sono assurde e tale teoria che si basa sull’assunto che “l’individuo mira alla coerenza con se stesso. Le sue opinioni e i suoi comportamenti, per esempio, tendono a comporsi in complessi intimamente coerenti“.  Questo automatismo, può portare all’attivazione di vari processi elaborativi, allo scopo (non sempre con esisto positivo) di compensare la dissonanza avvertita.
In altri termini, quando si presenta un conflitto tra pensieri, emozioni o comportamento, quelli in conflitto tenderanno a cambiare per minimizzare la contraddizione e il disagio che ne deriva. La persona può, infatti, tollerare solo un certo numero di discrepanze tra questi componenti che formano la sua identità. Tenderà perciò a diminuire le cognizioni dissonanti, a rafforzare e aumentare quelle consonanti con una particolare scelta, visione del mondo o condotta.
Di recente (2007), gli esperimenti di Festinger sono stati rivisitati da alcuni ricercatori dell’Università di Yale (USA), che hanno esteso la diffusione di tale meccanismo e ne hanno ridefinito i motivi scatenanti, analizzandone l’origine istintuale.
Attualmente, si parla della cosiddetta ‘razionalizzazione attraverso la dissonanza cognitiva’, considerata una difesa psicologica che la mente scettica innalza contro informazioni che, fondamentalmente in contrasto con le convinzioni emotivamente pregnanti, condizionano un dato soggetto da sempre. La mente dello scettico razionalizza le informazioni incoerenti con ciò che egli ritiene essere giusto, e nel caso in cui egli dovesse accettare nuove informazioni, che contrastassero i suoi principi, ciò gli causerebbe una ‘dissonanza’, un conflitto interiore, e una grande ansia, essendo costretto a lasciare quella che gli psicologi chiamano zona di conforto (da ‘comfort zone’), che è uno spazio interiore fatto di opinioni e certezze costruite nel tempo e che danno sicurezza. Quando ciò accade, nello scettico che si trova costretto a dover rivedere le sue credenze, il cuore batte più velocemente, la pressione arteriosa aumenta, e la sudorazione si intensifica’.
Lo scettico diventa rabbioso, ostile e perfino aggressivo, cercando di ridurre l’ansia, razionalizzando le sue convinzioni e andando nella direzione della negazione estrema. Quando uno scettico si confronta con prove molto convincenti a favore di una data tesi contraria alla sua visione, affermerà che esse non hanno alcuna validità. In tal modo, la mente scettica dice “no” e subito adotta la tecnica della negazione totale affermandosi che quell’informazione non può essere giusta, e respinge le informazioni, anche se si è dimostrato che delle date prove su una data questione sono scientificamente corrette.
Festinger riassume la dinamica del caso, affermando che “Se cambiate il comportamento di una persona, i suoi pensieri e sentimenti cambieranno per minimizzare la dissonanza“, si spiega perché le sette operino su tutti i livelli con il controllo del comportamento (vita di gruppo con la conseguente eliminazione della privacy, sistema di premi/punizioni, maratone di corsi e attività, scarso riposo, cambiamenti improvvisi e compiti irrealizzabili, codificazione di ogni attività, leggi e regolamenti rigidi, ingerenza anche nelle attività private che devono essere subordinate allo scopo del gruppo in quanto superiore a ogni altro progetto personale, etc.), dell’informazione (è negato e scoraggiato l’accesso alle informazioni critiche, ampio spazio per la propaganda di regime), del pensiero (tecniche di blocco del pensiero come meditazione, canti di mantras, ipnosi, etc., creazione di un senso di colpa per ogni pensiero critico rivolto verso il gruppo o verso il leader) e delle emozioni (far leva sul senso di colpa, spoliazione dell’Io tramite confessioni pubbliche, indottrinamento fobico: si cerca di istallare un vero e proprio terrore alla sola idea di lasciare il gruppo, abile uso delle emozioni portate scientemente al massimo, come la paura, la vergogna, la tensione nervosa, l’esaltazione, etc…).

Catessi

In Psicologia, la catessi spiega che alcune persone possono avere nel cervello una potente, e magari inconscia, super-colla, che si configura come una connessione forte con un’idea o una cosa dovuta all’investimento emotivo che taluni soggetti hanno contratto nei confronti di un’idea o di una determinata cosa, una persona, un’azione. Più alto è stato quest’investimento e più forte sarà l’attaccamento che quella persona avrà nei confronti del suo “totem ideologico”. Poiché la connessione è potente e inconscia, gli scettici attaccano la loro fonte d’ansia, che spesso può essere rappresentata da una persona che propone le prove in contrasto con una propria convinzione soggettiva. Rinnegare il proprio “autoindottrinamento” culturale o religioso crea ansia nel soggetto, duro a cambiare idea, lo destabilizza e lo mette di fronte a troppi nuovi interrogativi. Per tale ragione, nei confronti di taluni soggetti non è possibile usare la Logica, e nemmeno la Scienza con prove ripetibili e oggettive per cercare di invertire il loro “investimento emotivo”. In psicoanalisi, la catessi, è definita in quanto “investimento affettivo nei confronti di un oggetto o evento, dipendente dalla particolare relazione che si stabilisce tra l’oggetto (o evento) e una data soddisfazione (gratificazione) o insoddisfazione (privazione) esperita dal soggetto“. Il ritiro delle catessi è tipico delle sindromi di depersonalizzazione e anche di certe forme di schizofrenia.

Programmazione Neurolinguistica (PNL)

Secondo la “Programmazione Neurolinguistica (PNL)”, si sostiene che, quando taluni soggetti si confrontano con informazioni che sono in totale contrasto con le proprie convinzioni, tanto profondamente amate, e fondamentalmente incompatibili con la propria visione del mondo, producono una grande quantità di conseguenze e sperimentano ansia per i disturbi arrecati alla loro “zona di conforto mentale”.
La loro mente va in completa negazione, cancellando tali informazioni. Tutto viene automaticamente cancellato senza sottoporlo ad alcun esame, perché prevale sopra ogni altra esigenza (anche di conoscenza ed evoluzione), la volontà di ‘cancellare’ le informazioni che contrastano la propria visione del mondo, per mantenere la mente e il corpo nello stato di ‘omeostasi’. Questa indica una pacifica condizione che evita ansia, stress e assicura allo scettico stesso, calma, tranquillità, e lo lascia indisturbato nella sua “zona di conforto”. Gli scettici più aggressivi, pur di evitare l’Abisso della Verità, sono disposti anche ad imbrogliare, ingannare e mentire sulla reale situazione che viene loro sottoposta.

Programmazione Ambientale

Un punto centrale negli studi di Psicologia Sociale è che “l’ambiente determina la percezione”, ed in pratica vuol dire che, in linea di massima, l’ambiente in cui si nasce è responsabile e determinante nel tipo di visione del mondo che il soggetto si formerà nella sua particolare evoluzione. In tal modo, l’individuo che dovesse nascere nell’ambito di una devota famiglia indù in India, diventerà uno “scettico” di fede indù. Per quanto questa possa sembrare un’affermazione contraddittoria, non è così.
Lo Scetticismo NON è la negazione in senso assoluto di tutto ciò che può essere affermato: esso è invero la negazione di ciò che è contrario alla nostra visione del mondo. Ecco perché gli scettici esistono a tutte le latitudini del mondo ed uno scettico ateo (combinazione, oggi, molto comune) è più simile ad uno scettico musulmano, più di quanto un ateo “non scettico”, potrebbe mai essere simile ad un musulmano, altrettanto non scettico. Infatti, nel caso specifico, la similitudine non è data dagli elementi dottrinari delle relative fedi religiose, bensì dalla qualità di scettici, che in gran parte, li accomuna in atteggiamenti simili.
Per togliersi di dosso la “casacca” dell’incrostazione ambientale, bisogna essere capaci, grazie alla propria cultura ed evoluzione mentale e psicologica, di elevarsi al di sopra di ogni condizionamento ambientale, dunque di “programmazione mentale”. In pratica, la sfida per lo scettico è quella di superare il suo condizionamento, che nasce nell’infanzia, di rimuovere i blocchi mentali e di imparare a percepire TUTTE le informazioni in modo scientificamente bilanciato.

Argomento Biologico

La cosiddetta “Spiegazione delle Neuroscienze”, tenta di capire la caparbietà ostinata degli scettici di mentalità chiusa. Tale è il cosiddetto “Argomento Biologico”, secondo cui quando si è alla presenza di un soggetto con un sistema di credenze rigido (altrimenti detto “scetticismo”), i neuroni del cervello si fissano in una certa e ben determinata rete. In tal modo, se delle date informazioni giungono al cervello, contraddicendo quel determinato sistema di credenze, quel percorso neurale si attiverà sempre allo stesso modo e conseguentemente, impedirà una giusta decodifica delle informazioni percepite. Tale processo neurale può essere considerato come un “potente filtro”, che può esistere solo in presenza di determinati sistemi di credenze. Il “corretto” funzionamento di tale filtro, sarebbe vanificato solo nel caso in cui lo scettico fosse protagonista di una drammatica esperienza personale, nel qual caso sarebbe posto in essere un nuovo percorso neurale, mentre quello vecchio cadrebbe progressivamente in disuso.

Motivazione Primaria

La letteratura relativa agli “scettici” annovera anche un piccolo drappello di eroi che hanno scelto tale strada perché ritenuta utile all’avanzamento di carriera o nel contempo al guadagno di denaro, e nondimeno per l’ottenimento d’influenza e celebrità. Ad esempio, può capitare che un tale ricercatore dia chiari segni di “scetticismo” riguardo una data materia, quando questo comporta la possibilità di ricevere dei finanziamenti per progetti mirati alla lotta contro questa o quella tesi giudicata “eretica” dalla ufficialità delle Istituzioni. In tal modo tali soggetti non potranno mai dare ascolto alla Logica, alla Scienza, al Ragionamento Razionale e neanche al semplice Buon Senso. Non potrebbero muoversi dalla loro posizione, se non rischiando di perdere denaro, potere e status.

Metodo di “Smorgashord”

Il termine “smorgashord” deriva dalla lingua svedese ed indica un “buffet” di molti cibi, dolci e salati. Per analogia, con tale termine, si indica una miscellanea, un gruppo comprendente una grande varietà di elementi, dove poter sceglierne uno, secondo un criterio stabilito. Il metodo che ne deriva, detto “Metodo Smorgashord”, è attualmente utilizzato da molti studiosi, fra cui il famoso Fisico Teorico Stephen Hawking, secondo il quale è possibile scegliere quelle informazioni che servono a sostanziare i propri pregiudizi negativi. Tale metodo non resisterebbe ad un giudizio nell’ambito di un tribunale, poiché sarebbe ridotto a brandelli con gran facilità, ad esempio, adottando il “Metodo del Contraddittorio”, il quale si configura in quanto discussione pubblica fra due persone che sostengono o professano opinioni contrarie. È proprio un esperto di controversie legali che ha la conoscenza tecnica di ciò che è rilevante e di ciò che è probatorio e di quali sono le prove ammissibili. Un esperto di Diritto, dunque, non certo un Astronomo, un Astrofisico o chi per essi!

§§§

Postfazione (a cura del Dr Paolo C. Fienga)

Food for Thoughts: ecco una eccellente espressione che i nostri Amici Americani hanno creato per definire e riassumere, in tre parole, una dissertazione tanto affascinante, quanto, ahinoi, di grandissima portata e dunque – e di fatto – impossibile da aprire e chiudere attraverso una sola, per quanto profonda e dettagliata, Lettura Critica.

In piena Onestà, mi sento di aggiungere solo un paio di concetti i quali, per coloro che volessero maggiormente addentrarsi nella Materia qui proposta ed accennata, potrebbero risultare utili: il primo concetto che mi preme enfatizzare e sottolineare, a mio modo di vedere, attiene l’Oggetto del Conflitto. La vera querelle, insomma (da tempo – probabilmente ormai già troppo - avviatasi e tutt’ora in corso), la si dovrebbe effettivamente e definitivamente SPOSTARE - come ben suggerisce, sia pure, a mio parere, implicitamente – il Dr Zummit, dal piano del mero rapporto Storico, Metodologico e Formale esistente tra la cosiddetta “Scienza Convenzionale” e le (sempre cosiddette) “Pseudo-Scienze” (o anche “Scienze di Confine“), ad un piano più “umano” (ergo più “basso”, se ci permettete di usare questo aggettivo).

Quale piano? Ebbene, il piano “più basso” a cui ricondurre tutta (o buona parte) della discussione e delle teorizzazioni ad essa relative è, a parere di chi scrive, quello esistente e definito dal rapporto (sempre e comunque Storico, Metodologico e Formale) esistente fra i cosiddetti “Scienziati Convenzionali” (insomma: quelli che lavorano all’interno di Enti Pubblici di Ricerca, Università ed Agenzie GovernativeSpaziali e non) ed i “Ricercatori di Frontiera“, ossìa quella massa, tutt’altro che informe, di Ricercatori Privati (nella quasi totalità dei casi operanti per puro diletto ed Amore per la Scienza e la Divulgazione) i quali, applicando Leggi, Logiche, Competenze e Metodologie DIVERSE da quelle adottate dagli Scienziati Convenzionali, cercano, sovente agendo a seguito di meri “Spunti Intuitivi“, di gettare un minimo di Luce (alternativa) su alcune Fenomenologie per le quali la summenzionata Scienza Convenzionale, al pari dei suoi “Vati”, ancora non riesce – empiricamente, e cioè provando, simulando, sperimentando e risperimentando ad infinitum – a giungere.

Non una Logica di Conflitto tra Discipline, quindi, ma tra coloro che, queste Discipline, le praticano. Le studiano. Le divulgano ed insegnano.

Postulare un conflitto tra Discipline, in realtà, significa postularne la correttezza di una e la scorrettezza dell’altra. Io, agendo in piena sincerità e con la massima Umiltà che mi è possibile esprimere, credo che la Scienza Convenzionale e la Scienza di Confine sìano solo due modi (direi due “angoli visuali”) diversi per definire (e/o dai quali osservare) le medesime Fenomenologie. Il “Fine” di entrambe le Discipline, poi, è il medesimo: cioè la Ricerca della Verità. Ed io non credo proprio che la Ricerca della Verità, allorché attuata in modo Intellettualmente Onesto ed agendo al Massimo delle proprie Capacità e Competenze, la si possa “spaccare in due”, dicendo che una parte (ergo: un modo di procedere) sia accettabile, ed un’altra parte, invece, non lo sia.

Il secondo concetto che desidero assolutamente esplicitare, quindi, è che, una volta spostata – come dianzi proposto – la ormai annosa querelle dal piano delle Discipline in essa coinvolte, al piano di coloro che tali Discipline le praticano o pretendono di praticarle, il “conflitto” diviene – ormai – un dato inevitabile. La nostra Società, senza stare scomodare i (pur autorevoli) pareri di innumerevoli Sociologi, Psicologi ed Umanisti (nel senso di individui attenti alle Vicende Umane e quindi non solo Letterati, Storici, Politologi e Giuristi, ma anche Scienziati, Ricercatori e Uomini Comuni), é una Società che io amo definire “Borderline“. E’ una Società in cui i Modelli proposti – da CHIUNQUE vengano proposti – sono, nella stragrande maggioranza, dei Modelli Mutualmente Esclusivi.

Più semplicemente: non esistono più (né devono esistere, si badi!) differenze di opinioni, ma UNA Opinione Dominante, espressa da un determinato Gruppo di Potere (che sia esso Politico o Scientifico è indifferente) alla quale, SE SI VUOLE ESSERE PARTI DEL PREDETTO GRUPPO, BISOGNA ADERIRE. Meglio se l’adesione è incondizionata ed acritica.

Attenzione, non sto affatto parlando di Controllo Globale, o di Controllo delle Masse o di qualche Strumento Persuasivo Esotico! Io parlo di cose di tutti i giorni: dalla Squadra di Calcio del Cuore, alla Politica Americana; dall’Amministrazione della Res Publica alle modalità di Insegnamento e, tanto per alleggerire un pò il tono della conversazione, dal tipo di dopobarba (o di autovettura) usato/a, alla modella più “in” del momento.

Divide et Impera: questo è il motto della Società Borderline e dei Gruppi di Potere che, questa Società, di fatto (economicamente, politicamente e, last but not least, psicologicamente e sociologicamente) promuove ed applica senza soluzione di continuità.

In tutto.

E’ evidente anche ad un neofita della Materia che questo tipo di approccio, inevitabilmente, non conduce a “dialoghi” e “condivisioni” di esperienze e pensieri, al fine ultimo di perseguire ed attuare un arricchimento reciproco quanto, piuttosto, alla creazione di autentiche “Fazioni Dominanti” il cui unico (o primario) scopo è quello di PREVALERE su (rectius: ANNIENTARE) colui o coloro che, a questa o a quella Fazione Dominante, NON aderiscono o NON appartengono (che poi questa Fazione sia un’Entità Politica, Scientifica, Sociale o Religiosa è del tutto irrilevante).

E tornando al quesito iniziale, possiamo dunque affermare che lo Scetticismo, al pari del Negazionismo (entrambi caratterizzati, sempre più spesso, dall’essere “aprioristici“), sono patologie? Io, sinceramente, a questa domanda non so, né posso, né, tutto sommato, voglio rispondere. Io posso dire solo questo, da buon osservatore delle cose di questo Mondo (oltre che di quelle del Cielo – che preferisco ampiamente…): la nostra (pseudo) “Società (in)Civile” è, ormai, profondamente malata. Esagero? Non credo proprio, dato che alcuni degli atteggiamenti umani che qui abbiamo trattato e discusso, tutto sommato, non sono altro, nella loro espressione ultima, che sintomi evidenti dell’esistenza di una generale e diffusa patologia la quale, sempre a parere di chi scrive (ma spero di sbagliarmi!), può sfociare solo nello scontro frontale.

Il mio (e non solo mio) timore più grande è che questo scontro, alla fine, potrebbe diventare tutt’altro che meramente dialettico… 

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.

Powered by Neo-Web.it