True Planets

21 febbraio 2006

Luces Lunae: Analisi Approssimativa di un Mistero Irrisolto (2° puntata) – di Lunar Explorer Italia

Filed under: Articoli — info @ 18:37

 NASA-TECHNICAL REPORT-277.jpg

Il Technical Report R-277 (o TRR-277, di cui vedete la copertina nell’immagine qui di sopra) non è altro che una raccolta sistematica di Eventi Lunari ‘inusuali’ – la locuzione “Transient” fu inserita successivamente e non è contemplata dal Report - i quali, in un modo o nell’altro e proprio perchè improvvisi, inattesi e, quasi sempre, inspiegabili, vennero osservati e registrati – letteralmente – nei secoli.

Il TRR-277 è strutturato in Periodi Storici (dal…, al…), con sub-divisioni indicative di Data ed Ora dell’Evento (ove disponibile); Località della Luna coinvolta; Tipologia di Evento (e qui andiamo dalla “possibile eruzione vulcanica”, alle “scintille” o “star-like lights” e dai “bagliori”, alle “luminescenze”); indicazione dell’Osservatore o degli Osservatori (ove disponibile/i) ed eventuali Riferimenti incrociati.
Come potrete verificare Voi stessi, le tipologie di “Lunar Events” sono svariate ma, dato molto importante, sono sostanzialmente ricorrenti.

L’autorevolezza di coloro che hanno osservato e registrato detti Eventi è difficile da mettere in discussione (nell’elenco troviamo Schiaparelli, Schroter, Schmidt e Flammarion, tanto per citare qualcuno…), ma la loro effettiva natura e portata, nonostante tutto, resta ancora un grande punto interrogativo.
Ed ora eccoVi qualche esempio di Report (purtroppo, per ovvie ragioni di spazio non possiamo riprodurre l’intero TRR-277, ma Vi invitiamo ad andare a leggerlo sulle pagine del Sito “MUFOR – Malta Ufo Research – del Dr J.J. Mercieca).

Partiamo dai “Dubious (ma non per questo meno credibili) Reports”, per poi giungere ai “Confirmed Reports” i quali arrivano – quasi… – sino ai giorni nostri.
1789 – 1899 (Dubious Reports)

30 Luglio 1789 – località Plato Crater:”…soon after sunrise I saw a kind of ferment on the floor of Plato, which clearly resembled a kind of twilight (J.H. Schroter, in ”Selenotopo graphische Fragmente 1791″);

08 Aprile 1856 – località Boussingault Crater:”…noted weak glows in the Crater Boussingault, but he doubted that these were more than sunlight on the walls re-reflected from the floor (J. Schmidt, in “Vierteljahrschrift fur Astron.”, 14, 265);

12 Novembre 1878 - località imprecisata:”…John Hammes and friends in Iowa reported seeing a lunar “volcano”. Correspondence in Scientific American includes drawings, an identification by Admiral Rogers of the supposed location, and a certification of John Hammes’ respectability and good standing by the Mayor and three other citizens of Koekuk, Iowa. On investigation, it became clear that some of Hammes’ details were incorrect, and since his drawings showed such poor detail, the site identification is questionable (John Hammes and friends in “Sci. Amer.” Dec 21, 1878);

09 Agosto 1899 – Località Copernicus Crater:”…the inner parts of Copernicus glowed in weak phosphorescent light though not directly lighted by the Sun. The observer noted, however, that the effect was probably due to multiple reflection, as the Sun was then shining on the walls of the Crater…” (P. Fauth 1899, in “Astr. Nach.”, 151, 219);

24 e 25 Gennaio 1908 - Località imprecisata del dark side:”…Krebs and Nicolis noted that the non-illuminated part of the Moon glowed red. These observations may have been due to special effects in the Earth’s atmosphere. Some eclipse reports originally included have been omitted from the list for similar reasons. Only where the observers described clearly bounded bright areas or rapid changes in brightness have eclipse observations been listed…” (Krebs, Nicolis 1909, in “Astr. Nach.”, 181, 45);

1890 – 1899 (Confirmed Reports)
3 Ottobre 1890 - località Posidonius Crater ~ h. 22:00 (approx) - Posidonius Unusual shadow - Meller Sirius 1890

23 Maggio 1891 – località Aristarchus Region ~ h. 18:20 (approx) – “…Lunar eclipse: half hour before end of totality, Aristarchus and Region immediately North of it became conspicuous and increased in brightness from that time…” (W.E. Jackson 1890-91; Fisher 1924);

16 Settembre 1891 – località Schroter’s Valley (ora imprecisata) – “Dense clouds of white vapour were apparently arising from its bottom and pouring over its South-Eastern wall, in the direction of Herodotus” (W.H. Pickering - 1903);

17 Settembre 1891 – località Schroter’s Valley (ora imprecisata, ma probabilmente il fenomeno imperversò durante l’intero arco di osservabilità della Luna) – “Apparent volcanic activity” (W.H. Pickering - 1903);

14 Ottobre 1891 – località Schroter’s Valley (idem c.s.) – “Apparent volcanic activity” (W.H. Pickering - 1903);

23 Febbraio 1894 – località Crater Henke (now Daniell) and Northern wall of Posidonius - “…Strong brownish-red coppery hue in Henke and also on Northern wall of Posidonius…”  (Krieger - Sirius 1895);

11 Marzo 1895 – località imprecisata ~ h. 03:42 (approx) – “…During lunar eclipse, very striking color in South-Eastern quadrant…” (Foulkes in “B.A.A. Mem.” - 1895);

14 Giugno 1897 – località Schroter’s Valley (ora imprecisata):”…Apparent volcanic activity…” (W.H. Pickering - 1903);

21 Settembre 1897 – località Aristarchus Crater ~ h. 23:00 (approx) – “…Aristarchus glimmering streaks…” (Molesworth - Goodacre 1931);

8 Gennaio 1898 – località Tycho ~ h. 03:00 (approx) – “…Tycho Region, about mid-eclipse, shadow so dense that details of surface disappeared entirely, except that bright ray extending SSW from Tycho was clearly visible throughout its whole extent and continued so throughout eclipse…”  (Chevremont - 1898; Fisher – 1924);

3 Luglio 1898 – località Proclus Crater ~ h. 21:47 (approx) – “…Half hour after mid-eclipse, the crater shone with reddish light in shadow…” (Moye - 1898; Fisher – 1924);

1965 – 1969 (Confirmed Reports)

1mo Luglio 1965 – località Aristarchus Crater (ora imprecisata):”…Starlike image on the dark side, near Aristarchus…” (Emanuel Cameron – 1965);

Flare on Lunar Limb-from Clem.jpg

2 Luglio 1965 – località Aristarchus Crater ~ h. 01:21 (approx) – “… bright spot, like star, on dark side; estimated magnitude: 4…” (Emanuel, et al. - Greenacre, 1965);

3 Luglio 1965 – località Aristarchus Crater ~ h. 01:10 (approx) – “…pulsating bright spot on dark side…” (Emanuel, et al. - Greenacre, 1965);

Flare on Lunar Limb-from Earth.jpg

7 Luglio 1965 – località Grimaldi Crater (ora imprecisata):”…White streak extended toward limb…” (Azevado, et al. in ”Revista Astr.”, 1965);

12 Aprile 1966 – località Gassendi Crater ~ h. 01:05 (approx) – “…abrupt flash of red settling immediately to point of red haze near North-Western wall. Continuous for about 18 minutes, such as until h. 01:23…” (Whippey B.A.A. Lunar Sec. Circ. 1967, 2, No.5);

1mo Maggio 1966 – località Aristarchus Crater ~ h. 21:55 (approx) – “…50 minutes of continuous red glowing patch…” (Patterson B.A.A. Lunar Sec. Circ. 1966, 1, No.6);

1mo Maggio 1966 – località Aristarchus Crater ~ h. 22:10 (approx) – “…15 minutes of continuous small, yet intense, white spot North-West of Aristarchus’ wall…” (M. Brown, Sartory B.A.A. Lunar Sec. Circ. 1966, 1, Nos.6, 7);

27 Maggio 1966 – località Alphonsus Crater ~ h. 21:10 (approx) – “…50 minutes of faint red patches…” (Sartory, Moore, Moseley B.A.A. Lunar Sec. Circ. 1966, 1, No.6);

1mo Giugno 1966 – località Aristarchus ~ h. 03:20 (approx) – “…the entire sunlit area of Aristarchus Crater’s floor became bluish…” (Bartlett - 1967).

10 Luglio 1966 – località Triesnecker Crater ~ h. 02:00 (approx) – “…bright streak in crater lasted for one hour…” (Allen B.A.A. Lunar Sec. Circ. 1966, 1, No.10).

2 Settembre 1966 – località Alphonsus Crater ~ h. 01:01 (approx) – “…intermittent series of weak glows; final flash observed at h. 04:18…” (Whippey B.A.A. Lunar Sec. Circ. 1966, 2, No.12);

25 Settembre 1966 – località Plato Crater ~ h. 23:12 (approx) – “…several blinks in Plato Crater that lasted for about 3 minutes…” (Moseley B.A.A. Lunar Sec. Circ. 1966, 1, No.11);

23 Dicembre 1966 – località Plato Crater ~ h. 05:15 (approx) – “…55 minutes during which numerous light streaks (on its floor) and three bright spots (still on its floor), all showing “blinks”, were recorded…” (Kelsey B.A.A. Lunar Sec. Circ. 1967, 2, No.4);

27 Dicembre 1966 – località Gassendi Crater ~ h. 06:30 (approx) – “…35 minutes of very faint blink on South-Western floor of the Crater and another North of it, on North-Western floor (observer considers observation very suspect)…” (Kelsey B.A.A. Lunar Sec. Circ. 1967, 2, No.4);

20 Maggio 1967 – località Gassendi Crater (ora imprecisata):”…elongated blink in Crater, South-Western part of its floor…” (Kelsey B.A.A. Lunar Sec. Circ. 1967, 2, No.8);

11 Settembre 1967 – località Mare Tranquillitatis ~ h. 00:32 (approx) – “…lasted 8-9 seconds; black cloud surrounded by violet color…” (Montreal group B.A.A. Lunar Sec. Circ. 1967, 2, No.12);

19 Ottobre 1967 – località Kepler & Aristarchus Crater ~ h. 05:00 (approx) – “…High moon, 19 after full, apogee. Kepler appeared at least one magnitude brighter than Aristarchus. On Oct 20 and 22, at 05 h. UT, relative brightness returned back to normal…” (Classen - 1967).

§§§

Pochissimi estratti, ma sufficienti per avere un’idea – magari anche piccola, ma di certo ben definita, della effettiva magnitudine di questo fenomeno. Un fenomeno che ha affascinato generazioni di Astronomi (professionisti e dilettanti) e che non può più, a nostro parere, essere ancora – di fatto – ignorato.

Sebbene la casistica completa dei Fenomeni Lunari Anomali sia, come sapete e come avete letto, decisamente molto vasta, noi riteniamo che sia possibile estrapolare almeno cinque macro-classi di TLP:

1) flashes (o lampi): essi possono avere diversi colori – anche se quelli più ricorrenti sono il bianco, il rosso ed il blu – e diverse intensità, ma sono tutti accomunati dal fatto che durano da un minimo di pochi centesimi di secondo, ad un massimo di un secondo. la maggior parte dei Ricercatori ritiene che i flashes sìano – verosimilmente – il prodotto di impatti meteorici. Per altri – Scuola del Prof. Hoagland – si tratterebbe di riflessi dei raggi del Sole su strutture cristalline cupoliformi;

2) star-like shinings (o brillamenti puntiformi): essi si caratterizzano per l’essere di diversi colori e per l’avere diverse durate; si verificano, dati e reports alla mano, sia sul lato illuminato della Luna, sia su quello in ombra; possono essere “pulsanti” o “fissi”; talvolta sono anche visibili – e molto bene – sul bordo della Luna, per lo più in aree polari. Molti Ricercatori pensano che questi fenomeni sìano l’espressione visibile del verificarsi di eventi vulcanici di notevole ampiezza ed intensità, mentre altri Ricercatori sono più propensi a spiegare questa fenomenologia con eventi di “outgassing” e relative “flares” – o fiaccole;

3) foggings (o annebbiamenti): in questi casi i rilievi lunari sembrano venire avvolti da una sorta di “nebbia” che li offusca e rende – sostanzialmente – indefinibili. Dal punto di vista dell’Osservatore, però – e di regola – i rilievi lunari coinvolti restano comunque, sia pure solo relativamente, visibili e riconoscibili;

4) darkenings (o oscuramenti): in tali casi, invece, i rilievi lunari coinvolti dalla citata “onda di nebbia”, spariscono del tutto. Dal punto di vista dell’Osservatore, sebbene soltanto per pochi istanti, tali rilievi diventano completamente invisibili oppure sembrano “cambiare” la loro configurazione esteriore;

5) light-streaks (o strisce luminose): in questo frangente, infine, la superficie della Luna sembra essere attraversata da “raggi di luce direzionata e coerente”. Alcuni Ricercatori pensano che questi fenomeni derivino dal passaggio della luce del Sole attraverso buchi e fessure nelle pareti (alte) di grandi crateri (ed un tale fenomeno si dovrebbe verificare, di regola, allorchè il Sole, dal punto di vista del rilievo lunare interessato, si trova ad altezze molto basse). Molto interessanti sono le immagini di questi “raggi di luce” sul fondo del Cratere La Condamine.

Sebbene non li abbiamo ricompresi nelle cinque macro-classi di cui sopra, riteniamo comunque importanti (e meritevoli di attenzione) i fenomeni di “luminescenza” (e si tratta di aree della Luna le quali, pur non “brillando” – in senso tecnico -, sembrano, di quando in quando, essere invase da riflessi e fosforescenze – colori più frequenti: verde chiarissimo, acquamarina e arancio-rossastro) ed i fenomeni di “brighting” i quali si sostanziano nel repentino – ed oltremodo intenso – aumento di albedo di vaste aree della Luna (valli e crateri, per lo più).

Ma ecco una bellissima Mappa che evidenzia – anche sulla base dei dati contenuti nel TRR-277 – i “Punti Caldi” (Hot-Spots) della Luna…

TLP - MAP1.jpg

Per completezza di informazione e per chiudere questo secondo capitolo del nostro viaggio attraverso i “Lunar Events”, eccoVi la classificazione dei Fenomeni Lunari Transitori che ci viene proposta nel bellissimo Sito “LTP Research Program”, curato dal Dr David O. Darling (un bravissimo Ricercatore Americano con il quale ci siamo già – un pò duramente, per la verità… – interfacciati in passato e che, sebbene non sembri avere alcun tipo di interesse e/o considerazione per le ipotesi esplicative dei TLP che non combacino con le sue, resta in ogni caso un autorevole punto di riferimento).

David O. darling.jpg

The study of Lunar Transient Phenomena – or L.T.P. – is the study of “…short lived changes that take place on the Moon surface…”.

The term Lunar Transient Phenomena, as defined in the Anchor Dictionary of Astronomy, means “short lived changes in the appearance of the Lunar Features. These include reddish glows and obstructions of the surface detail that are triggered by Lunar Tides and occurs within Lunar Craters and around the perimeters of Lunar Basins. A carbon spectrum was obtained from an L.T.P. in the Crater Alphonsus”.
What physical appearance that L.T.P. takes on and the possible causes are much more involved beyond the brief explanation given by that dictionary. When looking at the different classifications of L.T.P. we get the following:

Gaseous: this is when the surface may appear diffused or nebulous. This effect can be tied in with Obscuration of the surface. It is believed that the obscuration may be caused by an out-gassing from the interior of the Moon. This effect has been seen by many observers over the years in such areas as Mare Crisium basin and the interior of Plato. I have seen this effect inside the Craters Aristarchus, Tycho and Plato;

Brightening: this effect can be associated with abnormal Albedo variances of lunar crater rims, or the extreme brightening of high Albedo features that for no apparent reason become even brighter. Features that been reported with this kind of phenomena are the rims of the Craters Proclus, Censorinus and Aristarchus;

Darkening: this effect has been reported by observers on features such as Picard, and was witnessed by myself inside the crater Proclus. This can have the appearance of black ink. Some observers have reported that this blackness had the appearance of “flowing” across the Lunar Surface. This effect was also observed by myself over the Crater Reiner, Picard and inside the Crater Proclus;

Bluish: the “bluish” effects are mostly reported on the darkened portion of the Moon when it is in a crescent phase. Observers have reported features glowing with a bluish tint or in
electric arc blue. This takes place on the Earthshine portion of the Moon. The most reported crater on the Moon for this kind of phenomena is Aristarchus. It has been reported many times over the years to be glowing bright in the Earthshine Region of the Moon while the entire Earthshine portion of the disk is dusky and obscured with very few features being visible. This effect has also been observed during Lunar Eclipses;

Reddish: this effect has been reported on the rim of the Crater Aristarchus and inside the Crater Gassendi. This effect can be detected using the Moon blink when viewing the Moon with Wratten #25 red and the Wratten #38a blue filters. When moving these two filters between the eyepiece and your eye you can get a blink effect;

Obscuration: this effect can be associated with out-gassing and effect of the disappearing surface features. This has been reported in the Crater Plato with the famous disappearance of the small craters on the floor. Others have reported large portions of the Mare Crisium basin to appear obscured with fine detail and small craters missing on the floor of Plato, while nearby features of similar size can be easily seen;

Shadow Effect: this is reported when the stark darkness or inky blackness of the Lunar shadow is not there, but has taken on the appearance of dawn or dusk. The shadow is no longer black but gray in appearance. The shadow effect can also be associated with shadows being cast upon the surface when it is not expected to be any shadow visible. An example would be dark filled interior of a crater being observed but the sun angle being to high for any shadows to be cast inside it;

Contrast Effects: the effect can appear along the zone between the Sunset and Sunrise Terminator – or boundaries between light and dark. It can appear to be a graying effect or unusual appearance of the crater floor with in the light portion. This effect can be closely associated with the shadow effect, and obscuration;

Star-like Flashes: this is when the observers is surprised with brilliant flash that exploded in front of their eyes. These are most likely flashes produced by impacting meteor storm onto the Lunar Surface. When an observer sees this kind of event striking the dark side of the Moon, it will be burned into their memory for all time;

Star-like Lights: this is when a stellar point of light is observed on the Moon and can last for several minutes to up to an hour. These star like points are mostly reported by
observers on the dark side of the Moon when the Moon is 3 to 4 days old. Star-like lights have also been reported during total Lunar Eclipses;

Recurrent Lunar Phenomena (RLP): “There is a final aspect to consider, visual oddities that owe their origin to angle of illumination or phase of the Moon. For instance, the southernmost point of the northern peak of the central mountains of Gassendi, exhibits deep red colouration during the period of approximately 18 to 24 hours after the terminator has receded. Cape LaPlace will display a dark shadow at the western (IAU) tip of its peninsula long after shadows in the region have been obliterated by high angle of illumination.  The crater Bullialdus has a feature on the West wall which casts a spectacular round shadow while the crater is still under relatively high angle of illumination. Atlas, that has a depression in the inner southwest corner, throws an immensely black shadow just after local noon. There are uncounted traps for the unwary such as these, and for this reason the Section is listing these appearances as they are identified. For, perhaps, want of a better name the author decided to refer to them as Recurrent Lunar Phenomena (RLP), though of course they are not true phenomena.”

Guide to Observing the Moon – British Astronomical Association – Chapter 9 “The Observation of Transient Lunar Phenomena”, by Peter W. Foley.

Other: this category represents all those phenomena that do not reflect in any of the above listing.

15 febbraio 2006

Luces Lunae: Analisi Approssimativa di un Mistero Irrisolto (1° puntata) – di Lunar Explorer Italia

Filed under: Articoli — info @ 21:16

 Rising Moon - EE Cummings.jpg

(Rising Moon – di E.E. Cummings) 

“…E così fu una sera davvero speciale, per tutti.
Io stavo rientrando dai campi, seguendo il sentiero tracciato dai “veci”: mio padre e mio nonno prima di lui.
L’eco delle campane della nostra piccola chiesa non si era ancora spenta del tutto, quando mi accorsi di un grande trambusto, proprio alle porte del paese, nei pressi della fontana e dell’abbeveratoio.
Ricordo le voci, acute ed entusiaste, di una decina di ragazzetti che saltavano, gridavano e si sbracciavano, indicando il cielo.
E ricordo i commenti, asciutti, meravigliati ed anche un po’ timorosi, si, di qualche adulto: gli occhi di tutti quanti erano rivolti al cielo, verso una luminosa falce di Luna.
Li vidi, rimasi sorpreso, e poi anch’io alzai lo sguardo e vidi, lassù, nella parte buia del suo volto, qualcosa come delle allegre scintille, sfuggite al fuoco.
Mi stropicciai gli occhi (ero stanco) e guardai meglio.
Le rividi. La visione non era il frutto della stanchezza di una giornata trascorsa nei campi: sul lato oscuro dell’astro, infatti, del tutto simili a lucciole che rischiarano la notte, parevano accendersi, di continuo ed in grande quantità, piccole, colorate e luminose, stelle…”

(Leone Guerra – “Racconti e Memorie degli Anni d’Oro”)

§§§

Un argomento estremamente complesso ed in larga misura inesplorato o quasi, per molti Ricercatori, spesso finisce con il diventare un argomento “tabù”.
Un argomento da evitare, insomma.
La ragione è comunque piuttosto ovvia: affrontare un tema che appartiene, di fatto, alle cosiddette “Fenomenologie di Frontiera” – le quali, spesso, non vanno d’accordo con i dogmi della Scienza Consolidata e con coloro che ne sono Vati –, può essere causa di imbarazzi (nella migliore delle ipotesi) e problemi veri e propri.
Problemi di immagine, di credibilità, di filosofia scientifica di appartenenza e via-via altre motivazioni, ora più ed ora meno valide e/o condivisibili.

Ma se la complessità di un fenomeno fosse una “giusta causa” per non affrontarlo e studiarlo, allora – probabilmente – saremmo ancora tutti nelle caverne, a sfregare bastoncini e ad esprimerci a gesti e grugniti.
La tematica di cui andremo a parlare – e che in molti hanno già provato, sia pure con esiti incerti, ad affrontare e definire almeno nei suoi contorni essenziali (ammesso che ne esistano) – è, dunque, una tematica controversa e di frontiera.
Un tema del quale è difficile parlare (senza correre il rischio di dire delle sciocchezze) e sul quale è, al momento, impossibile prendere posizione.

Le “Luci della Luna”, anche se in molti, ancora oggi, credono che sìano il risultato di burle, sviste o fenomeni atmosferici terrestri, erano e sono ancora, a nostro avviso, uno dei Grandi Enigmi della Natura.

Non è chiaramente nostra intenzione – anche perché non saremmo assolutamente all’altezza – quella di proporre un Modello Esplicativo di questa fenomenologia: vogliamo solo raccogliere dati, illustrarli e quindi invitarVi ad interpretarli, insieme a noi.

E, come avrete già capito, le “Luci della Luna” di cui stiamo parlando non sono il brillante parto della fantasia di qualche Scrittore (anche se esse, in fondo, ben si presterebbero per una “trasposizione artistica”): le Luces Lunae sono i Fenomeni Lunari Transitori (TLP, o Transient Lunar Phenomoena, in accordo alla terminologia internazionale di riferimento).

§§§

Oggi, AD 2006, a differenza di qualche tempo fa (diremmo sino a pochi anni orsono), sono in molti – Appassionati e Ricercatori soprattutto – a parlare di questi fenomeni, ed in molti, un po’ in tutto il Mondo, sono anche riusciti a “provare”, in qualche maniera, lo sporadico accadimento di qualcosa di strano e di anomalo sulla superficie del nostro unico Satellite Naturale.

Sirsalis-Animation.gif

Ma anche se le testimonianze (davvero tantissime) e le evidenze (tal’ultime ancora piuttosto scarse) sono in continuo crescendo, le teorie esplicative di questi enigmatici eventi sono ancora poche e tendono a rimbalzare fra due schiere intellettuali che non esiteremmo a definire, perdonateci, “radicali ed estreme”.

Nella prima schiera collocheremmo gli Scienziati ed i Ricercatori Classici.
I Cultori della Scienza Tradizionale, insomma: coloro che hanno sposato, per tutto quanto riguarda le fenomenologie controverse, una sorta di “Agnosticismo Scientifico Cosmico”.
Questo lo diciamo senza ironia e con grande rispetto: stiamo sempre parlando, infatti, di Professionisti: razionali, pragmatici e positivi.
Talvolta questi Professionisti, sebbene molto preparati, tendono a sfociare nell’iper-pragmatismo e nell’oscurità di un linguaggio cattedratico ed “esclusivo” (che gli Americani chiamano “jargon”), ma, che dire?, c’est la Vie, è la Scienza di oggi…

Nella seconda schiera, invece, vorremmo inserire i “Visionari”: i Ricercatori Indipendenti, scollegati dal main-stream della Scienza Positiva Tradizionale ed anche, forse – alle volte almeno –, un pò “New Age”.

In realtà ed a ben guardare potremmo anche supporre l’esistenza di una Terza Schiera: quest’ultima costituita da Appassionati ed Amatori Fantasiosamente Immaginifici i quali, dopo aver respinto – diremmo più in toto che in parte (e forse più a ragione che a torto) – i “Sacri Dogmi” della Scienza Convenzionale, hanno creato delle ipotesi interpretative ed esplicative dei fenomeni controversi le quali, sebbene – spesso – risultino molto suggestive, finiscono sempre o quasi col risultare poco credibili.
Poco credibili poiché, purtroppo, pesantemente ancorate ad ardite speculazioni e ad ipotesi scientifiche insostanziale (e forse insostanziabili), come a fotografie sfuocate e ad interpretazioni fantasiose – e talora esoteriche – di svariati fenomeni della Natura.
Ipotesi interpretative ed esplicative che, alla fine, appaiono più figlie della Science Fiction che dello Studio e dell’Analisi dei dati.

E così è, se Vi pare…

§§§

Come avvicinarsi alle Luces Lunae, allora?

Forse la strada migliore è quella di parlarne con semplicità, dapprima raccontandoVi un pizzico di storia e poi entrando, sempre con leggerezza, nella tematica vera e propria.

Luces Lunae.

Abbiamo scelto il Latino per esprimerci e la scelta di questa antica e nobile lingua non è stata, ovviamente, una scelta casuale.

Fu infatti il grande Studioso Plinio il Giovane il primo Investigatore della Natura che, a quanto abbiamo scoperto, parlò delle “Luces Lunae”, in un’epistola che raccontava, inter alia, delle sue osservazioni del cielo, degli astri e dei fenomeni che, di tanto in tanto, sembrano portare movimento – un movimento “percettibile” intendiamo – a quello che, agli occhi umani, appare come un Regno di eterna ed immutabile quiete, stabilità e fissità.

Luces Lunae: un’espressione molto bella, quasi romantica diremmo, che stava probabilmente ad indicare l’accendersi di piccole scintille sulla sua porzione in ombra.

Ma Plinio non fu certo il solo e, altrettanto certamente, non fu neppure il primo a notare che qualcosa di strano, di tanto in tanto, alterava la quieta e lucente fissità della Luna.

Basta pensare ad alcuni (ai nostri fini) interessanti e poco conosciuti reperti archeologici rinvenuti, oltre un secolo fa (o forse di più), in Centro e Sud America (Guatemala e Bolivia), in Asia (Siria ed Iraq) ed in Africa (Egitto e Sudan meridionale).
Si tratta, prevalentemente, di disegni e sculture (di regola posizionate all’interno di edifici sacri) che raffigurano – o meglio: che si pensa che raffigurino – la nostra Luna.

Ma si tratta di rappresentazioni statiche e classiche? No.

La Luna di questi reperti è una Luna mutevole: a volte raffigurata mentre è al suo primo quarto, altre volte durante la sua fase di gibbosità ed altre volte ancora quando è già un grande e luminoso disco di luce.

Ed ecco l’elemento comune: su alcune di queste (comunque presunte) raffigurazioni della Luna, gli Artisti che le crearono decisero di inserire dei piccoli punti colorati. Punti colorati che qualche Archeologo – di “casa nostra” – interpretò come la rappresentazione e visione, rispettivamente, grafica ed artistica, di alcuni dei rilievi lunari più eclatanti e facilmente visibili da Terra.

Questi “piccoli punti colorati”, nei dipinti, sono delle semplici “macchie di colore”.
Altre volte, invece, si tratta di piccolissime gemme (rubini e topazi, per lo più), incastonati nel disco, ora completo ed ora incompleto, della (sempre presunta) Luna.

Che dire?
Si tratta forse di una forma di deferenza e di venerazione verso quella che era considerata, da tante Civiltà, come una Divinità?

O piuttosto era solo una maniera sfarzosa di abbellire un’opera d’arte?
O magari si trattava proprio della rappresentazione di un evento reale, “visto e vissuto” dagli uomini di quel tempo? Un evento talmente sconvolgente da essere interpretato come un “Segno degli Dei” e quindi, in quanto tale, da meritare eterna memoria all’interno di un tempio o di un edificio funebre?

Siamo nel campo della speculazione, come ovvio, ed ogni Archeologo che si rispetti Vi potrà fornire una spiegazione adeguata di queste raffigurazioni.
Una spiegazione “scientifica” che, molto probabilmente, suonerà largamente accettabile.
Ma in questa sede, pur senza abbandonare il metodo razionale che deve sempre contraddistinguere il ruolo dei Divulgatori, vogliamo provare a vedere “oltre”: oltre le allegorie ed i misticismi, oltre la religiosità più o meno pagana ed oltre le raffigurazioni sacre e quant’altro.

Vogliamo provare ad essere “semplici”.

Ed allora, noi – semplicemente – riteniamo che (almeno) alcune delle rappresentazioni di cui Vi abbiamo raccontato, non sìano altro che la maniera più appropriata ed immediata di testimoniare e raccontare l’accadimento di un evento particolare il quale, evidentemente, doveva aver suscitato clamore (e timore, forse) nelle diverse Comunità che ebbero la ventura di osservarlo.

Noi crediamo che le rappresentazioni di una Luna “cosparsa di stelle colorate” sìano solo il modo (lo ribadiamo e sottolineiamo: semplice ed immediato) di esprimere “graficamente” le Luces Lunae di cui parlò Plinio e gli Star-Like Objects, i Fast-Walkers, i Brillamenti oppure le Fiaccole di cui parlano gli Astronomi ed i Ricercatori Lunari del nostro secolo.

Oggi scattiamo fotografie, o realizziamo filmati: in un remoto passato – mille o cinquemila anni fa o anche di più – coloro che videro qualcosa “muoversi e/o brillare” sulla Superficie della Luna, eseguirono delle incisioni, delle sculture, o dei dipinti veri e propri i quali fossero capaci di rappresentare e tramandare l’accadere di questi “strani eventi del Cielo” in maniera adeguata.
Una maniera semplice, immediata, soprattutto, in linea con le possibilità artistiche e scientifiche, le attitudini ed i costumi del periodo di riferimento.

Fantasia? Diremmo proprio di no.

E la prova che di queste Luces Lunae se ne sono viste (e se ne vedono) da molti secoli ci viene anche data (in parte) da un famoso Rapporto della National Aeronautics and Space Administration (NASA): stiamo parlando del Technical Report R-277.

(continua)

Starry Moon.jpg

Pagina successiva »

Powered by Neo-Web.it